Percorso

Articoli archiviati

I nostri eventi

Nessun evento da segnalare.
Iscriviti alla newsletter per essere sempre aggiornato.
Seguici su Twitter

SICILIA TERRA RICAMATA
 
E-mail
( 3 Voti )
Scritto da Rete NSOE   
Martedì 15 Marzo 2016 20:28

cannoli.jpg

Tanti, tanti anni fa una giovane donna siciliana usciva per la prima volta dal suo paese natio, arroccato sulle pendici della provincia di Enna, per raggiungere quello che allora veniva chiamato "Il Continente". In quell'isola tanto lontana, oltre a lasciare i profumi degli agrumi, dei mandorli in fiore, l'azzuro mare contornato da fitte vegetazioni di fichi d'india, lasciava anche l'amore, ma il suo viaggio non lo affrontò da sola........dentro di lei viveva un nuovo amore.....il sottoscritto. La mia vita è, inevitabilmente, conseguenza di quel viaggio, e quindi non posso non essere innamorato di una terra magica e straordinaria quale è la Sicilia. Una terra che mi porto dentro l'anima e mi accompagnerà sempre nel proseguimento della mia vita terrena. Ad essa sono legati i ricordi dell'infanzia, quando aspettavavo con trepidazione l'arrivo dell'estate che significava forse partire per andare a trovare i parenti lontani che potevi vedere solo una volta all'anno, anche perché le disponibilità economiche o gli impegni di mia madre non sempre realizzavano il tanto desiderato viaggio. Eppure quelle vacanze non le dimenticherò mai perché le aspettavo e sapevo quanti sacrifici comportavano e quanta cura c'era nell'organizzarle. Non potrò mai dimenticare l'emozione del viaggio in treno, l'immagine del semaforo verde, il fischio del capostazione di Roma Termini che dava il via a quella sorta di "marcia" verso la Terra Promessa, anche se da allora non è molto cambiato per quanto riguarda i collegamenti ferroviari di notte...Si partiva alle cinque del pomeriggio con l'Espresso, così si chiamava il treno, e si arrivava dopo quasi sedici ore a Catania, dove ti aspettavano per portarti in macchina nel paese natio di mia madre. L'assalto agli arancini sul traghetto che da Villa San Giovanni portava a Messina, quello è il ricordo più gustoso, rituale come fosse  tradizione millenaria,ogni migrato assaporava quel fantastico momento. Altre tre ore di tragitto, perché non esisteva ancora l'Autostrada, quindi si percorreva la Provinciale, attraversando tutta una serie di paesi, in un susseguirsi di curve che mettevano a dura prova il fisico, già sfibrato dal viaggio in treno, eppure eri felice lo stesso, perché sapevi di essere atteso.... Sicilia, questa terra meravigliosa, culla di civiltà e culture millenarie, terra di passione, di amore.

Una regione baciata dal sole, una natura esplosiva. Mare, montagne, colline, isole che le fanno da contorno, dalle Eolie a Favignana, Ustica, Pantelleria, Lampedusa, la natura incontaminata della Riserva dello Zingaro, Mozia e le saline contornate dai mulini a vento, il barocco, i templi........e ancora di più. 

Il fuoco che arde dentro le sue viscere e ogni tanto esplode e il vulcano si scuote, mettendo paura ma creando giochi di luce che nessun artista al mondo potrebbe ricreare.

E poi il tripudio della cucina, di terra, di mare, la cucina semplice del contadino,  vera e genuina, e quella dei grandi chef di rinomati ristoranti e di prestigiosi alberghi di cui questa isola è stracolma. Bacco e Venere, un'accoppiata di sensualità: vini forti, vini dolci, ce n'è per tutti da gustare in compagnia o in una serata sotto le magiche stelle del cielo siciliano, in compagnia del tuo amore.

In Sicilia ti dimentichi di qualsiasi dieta a cui ti sei sottoposto perché non puoi resistere alla tentazione della pasticceria e della gelateria siciliana: cannoli ripieni di ricotta e spruzzati di cannella, brioche ripieni di un gelato che non ha eguali nel mondo, fantasie di marzapane, cassate e poi le indimenticabili granite al limone, ai gelsi, granite che danno un sapore diverso alla torrida estate. Sicilia, terra di un popolo fiero, orgoglioso, indomito. Terra di emigranti che sono partiti per ritornare un giorno e quando anche non sono tornati non hanno mai dimenticato da dove sono partiti. Terra di scrittori, di attori, di atleti, di grandi cantanti, di registi, di stilisti, gente che ha messo in ogni opera che ha creato il fascino, la magia, il mistero della terra da cui è provenuto.

Sicilia, terra martoriata da invasioni, da guerre, da sporchi giochi di potere.Umiliata, messa a dura prova dal mostro Mafia ma, ha trovato la forza di reagire, guidata dall'esempio di uomini straordinari, uomini che dovrebbero essere ricordati ogni giorno per quello che hanno fatto: i tanti magistrati uccisi, Chinnici, Falcone, Borsellino, trucidati insieme ai loro angeli custodi; il Generale Alberto Dalla Chiesa, ucciso dallo Stato stesso insieme alla sua compagna di allora, in un estremo atto d'amore e poi i tanti commissari, i poliziotti, i carabinieri che hanno dato la loro vita per liberare la loro terra da questo cancro.

Sicilia, spesso irrisa da stupide pubblicità e da macchiette da quattro soldi ma una terra che molti italiani non conoscono e dovrebbero scoprire prima di portare soldi in paesi che non meritano quello che merita questa straordinaria regione di questo straordinario paese.

L'amore smisurato per questa terra, mi porta ad emozionarmi ogni qualvolta che un cliente mi chiede di pianificare un viaggio, in quel viaggio metto tutto me stesso e non parlo solo del sapere e della mia conoscenza per questa meravigliosa terra, in ogni viaggio c'è un pezzo di mia radice e consanguineità, un legame  che accompagna il cliente nella terra di Sicilia.

 

                                                                                            Dedicato a chi sa amare

 

                                                                                                              Massimiliano


 
Tags: sicilia-  
Commenti
Aggiungi nuovo
+/-
Commenta
Nome:
Email:
 
sito web:
Titolo:
 
Inserisci il codice anti-spam che vedi nell'immagine.